Crea sito

ELEONORA LOCATELLI

Inizia ad interessarsi alla monta in amazzone affascinata dalle amazzoni che spesso vedeva nelle "Ferias" durante i suoi viaggi a El Rocio, nel cuore dell'Andalusia, terra che adora e dove per la prima volta si avvicina a questa disciplina. Nel Dicembre del 2010 partecipa con Federica ad uno stage di monta in amazzone tenuto dalla bravissima amazzone spagnola Esther Otero e nella primavera del 2011 organizza il primo stage di monta in amazzone tenuto in italia,  grazie anche all'aiuto del compagno Marco, cavaliere di monta classica. Insieme a Federica ed all'incontro con le altre ragazze nell'agosto del 2011 danno vita alla prima Associazione Italiana di Monta all'Amazzone.

 

foto @copyright Melis Yalvac

FEDERICA BROLIS

Inizia ad interessarsi alla monta in amazzone nel 2007 dove sul sito www.forumcavallo.it fa aprire dall'amministratore del sito la sezione dedicata alla "monta all'amazzone", disciplina che già da tempo la affascinava. Accomunate dalla passione per i cavalli iberici, con Eleonora nel 2010 partecipa in Andalusia ad uno stage di monta in amazzone tenuto dalla bravissima amazzone spagnola Esther Otero, attreverso la quale conoscono l'altrettanto brava amazzone iberica Eva Cano Galan, la quale nella primavera del 2011 tiene il primo stage di monta in amazzone in Italia. Grazie alla intraprendenza del marito Pierangelo, inizia a prendere forma l'idea di fondare un'associazione italiana delle disciplina e così con le altre ragazze, nell'agosto del 2011 da vita ad A.I.M.A. .

Con il competente aiuto del marito, Pierangelo Riva, anch'egli cavaliere e tra i maggiori esperti conoscitori della disciplina della monta in amazzone oggi presenti in Italia, al quale va il merito di aver scritto il primo regolamento di disciplina in Italia per le competizioni di Alta Scuola F.I.S.E. e per il circuito Dress-Jump di Endas Equitazione, in questi anni hanno ampliato ed approfondito la conoscenza di quest'affascinante e ricercata disciplina equestre recuperando un know how che non ci apparteneva più e che è stato frutto di un duro e costante lavoro di ricerca e di perfezionamento. Inoltre, vista l'assenza in Italia di mastri sellai che sappessero restaurare correttamente una sella da amazzone, il marito è divenuto anche un bravo restauratore di questa particolare tipologia di selle.

AMALIA GNECCHI RUSCONE

Campionessa di Endurance, pratica gli sport equestri sin da piccola, ereditando la passione del padre, Carlo, esperto conoscitore del mondo equestre ed in particolare del mondo degli attacchi e delle tradizioni equestri.
I cavalli sono di casa, infatti Villa Gnecchi Ruscone era la casa di villeggiatura della nobile famiglia Franchetti di Ponte e Giuseppe Maria Franchetti (quintavolo di Carlo Gnecchi) fu il fondatore nel 1813 dell’”Impresa Generale Diligenze e Messaggerie” e quindi una importante figura del mondo imprenditoriale milanese legato alle Carrozze ed ai trasporti.

E' proprio da questo retaggio dal quale nasce il suo interesse per la monta all'amazzone e nella primavera del 2011 partecipa al primo stage di monta in amazzone tenuto in italia dove incontra le altre ragazze con le quali, qualche mese più tardi, fonderanno l'A.I.M.A; la prima associazione italiana di monta all'amazzone..

 

VALENTINA SAGGIA

Si avvicina agli sport equestri sin da piccola, ereditando la passione dallo zio, pratica per anni la disciplina del salto ostacoli. Conosce virtualmente Federica su di un Forum ed attraverso le discussioni in merito alla monta all'amazzone approfondiscono l'amicizia e nel corso del 2011 conosce le altre ragazze e con loro da vita ad A.I.M.A.: la prima associazione italiana di monta all'amazzone.

SILVIA VILLA

Anche se non compare formalmente negli atti costitutivi dell'A.I.M.A., Silvia è da considerarsi a tutti gli effetti una delle fondatrici dell'Associazione, ed anche se per scelte personali, dal Novembre 2016 ha preferito intraprendere un percorso diverso. 

Riteniamo sia doveroso menzionarla e ringraziarla per quanto ha fatto insieme alle altre amazzoni dell'Associazione durante questi anni.

 

STATUTO AIMA